CHI SIAMO

Santa Francesca Saverio Cabrini

Dal discorso del Santo Padre Francesco in occasione del primo centenario della morte di Santa Francesca Saverio Cabrini, 9 dicembre 2017.

“Santa Cabrini è stata una vera missionaria. Era cresciuta tenendo davanti a sé l’esempio di San Francesco Saverio, il pioniere dell’evangelizzazione in Oriente. Nel suo cuore aveva la Cina e in quella terra lontana sperava di portare l’annuncio del Vangelo. Non pensava alle migliaia e migliaia di emigranti che a causa della fame, della mancanza di lavoro e dell’assenza di un futuro si imbarcavano con le loro poche cose per raggiungere l’America, spinti dal sogno di una vita migliore. Come sappiamo, fu la lungimiranza di Papa Leone XIII che, con una battuta, le fece cambiare rotta: “Non ad oriente, Cabrini, ma all’occidente!”. La giovane Madre, che aveva da poco fondato le Missionarie del Sacro Cuore, doveva aprire i suoi occhi per vedere dove Dio la inviava in missione. Non dove lei voleva andare, ma dove Lui aveva preparato per lei la strada, la strada del servizio e della santità. Ecco l’esempio di una vera vocazione: dimenticare sé stessi per abbandonarsi pienamente all’amore di Dio.”

Dal discorso del Santo Padre Francesco in occasione del primo centenario della morte di Santa Francesca Saverio Cabrini, 9 dicembre 2017.

“Santa Cabrini è stata una vera missionaria. Era cresciuta tenendo davanti a sé l’esempio di San Francesco Saverio, il pioniere dell’evangelizzazione in Oriente. Nel suo cuore aveva la Cina e in quella terra lontana sperava di portare l’annuncio del Vangelo. Non pensava alle migliaia e migliaia di emigranti che a causa della fame, della mancanza di lavoro e dell’assenza di un futuro si imbarcavano con le loro poche cose per raggiungere l’America, spinti dal sogno di una vita migliore. Come sappiamo, fu la lungimiranza di Papa Leone XIII che, con una battuta, le fece cambiare rotta: “Non ad oriente, Cabrini, ma all’occidente!”. La giovane Madre, che aveva da poco fondato le Missionarie del Sacro Cuore, doveva aprire i suoi occhi per vedere dove Dio la inviava in missione. Non dove lei voleva andare, ma dove Lui aveva preparato per lei la strada, la strada del servizio e della santità. Ecco l’esempio di una vera vocazione: dimenticare sé stessi per abbandonarsi pienamente all’amore di Dio.”

Santa Francesca Cabrini, nacque a Sant’Angelo Lodigiano il 15 luglio 1850. Fin da bambina si appassionò alla vita missionaria da una modesta famiglia di agricoltori. Dopo la professione religiosa, fondò l’Istituto delle Missionarie del Sacro Cuore di Gesù, a Codogno nel 1880. Per le circostanze storiche e per la volontà del Papa Leone XIII, il suo sogno missionario orientato alla Cina, venne spostato agli Stati Uniti e all’America del Sud, dove milioni di italiani emigravano in cerca di lavoro, di speranza e di migliori condizioni di vita. Per loro aprì scuole, orfanotrofi, educandati, ospedali e centri sociali, contribuendo ad integrare nelle nuove culture i nostri connazionali emigrati. La sua missione non si fermò nel Nord America, infatti viaggiò continuamente, attraversando l’Atlantico 24 volte, passando la Cordigliera delle Ande a cavallo, percorrendo in treno, in carrozza, a piedi, ogni terra, fondando scuole in Centro America, Brasile e Argentina, in molti stati dell’America del Nord, in Europa. Morì a Chicago il 22 dicembre 1917, venne Beatificata il 13 novembre 1938, Canonizzata il 7 luglio 1946. Nel 1950 fu proclamata da Pio XII “Patrona universale degli emigranti”.

La nostra storia

La scuola è presente a Milano da più di un secolo.

Nel 1884, con decenni di anticipo, santa Francesca Cabrini intuì l’enorme importanza del problema educativo per l’uomo moderno. Volle quindi creare una scuola che fosse realmente capace di produrre valori e cultura all’interno della società milanese.

Questo progetto educativo fa ancora oggi dell’Istituto Cabrini un ambiente unico nel panorama della scuola lombarda, attento alla formazione della persona e a fornire una rigorosa didattica, ad alimentare una cultura della solidarietà e dell’accoglienza; teso a quella “educazione del cuore e della ragione” che aiuta ogni ragazzo non solo ad imparare, ma anche a crescere come uomo. 

La scuola è presente a Milano da più di un secolo.

Nel 1884, con decenni di anticipo, santa Francesca Cabrini intuì l’enorme importanza del problema educativo per l’uomo moderno. Volle quindi creare una scuola che fosse realmente capace di produrre valori e cultura all’interno della società milanese.

Questo progetto educativo fa ancora oggi dell’Istituto Cabrini un ambiente unico nel panorama della scuola lombarda, attento alla formazione della persona e a fornire una rigorosa didattica, ad alimentare una cultura della solidarietà e dell’accoglienza; teso a quella “educazione del cuore e della ragione” che aiuta ogni ragazzo non solo ad imparare, ma anche a crescere come uomo. 

Carta d’identità

Educare

Accogliere e amare ogni alunno come persona unica e irripetibile.

Valorizzare doti, risorse e potenzialità.

Guidare alla scoperta e alla comprensione della realtà fornendo strumenti e conoscenze.

Cuore

Sollecitare l’esercizio della libertà e della responsabilità nella classe, nella scuola, in famiglia.

Appassionare al valore e alla ricchezza della nostra identità culturale.

Abilitare a un confronto costruttivo con altre culture.

Ragione

Formare la ragione a riconoscere la verità nei contenuti delle discipline, sviluppare la capacità di giudizio, di critica e di sintesi.

 

  • Aiutare a comprendere i legami tra l’io, gli altri e il mondo.
  • Dialogo costante tra famiglia e scuola con numerosi momenti di incontro, lavoro e percorsi formativi.
  • Continuità educativa e didattica tra i quattro cicli della scuola.
  • Orientamento a partire già dalla seconda classe della secondaria di primo grado.
  • Scelte didattiche, laboratori e uscite conformi ai contenuti e al metodo educativo.
  • Coordinamento tra insegnanti, doposcuolisti, tecnici di laboratorio, assistente al post-scuola.
  • Insegnanti titolari di classe altamente qualificati e appassionati.
  • Insegnanti specialisti che accompagnano dalla primaria alla secondaria.
  • Insegnanti di sostegno qualificati.
  • Insegnante madrelingua di inglese.
  • Certificazioni MOVERS, KET, PET, DELE; CLIL nelle ore curricolari; corso di avviamento al latino; laboratorio di informatica.
  • Accoglienza, inserimento e alfabetizzazione di alunni stranieri.
  • Prolungamento estivo per l’infanzia e la primaria (giugno, luglio e settembre).

Ai seguenti link potete trovare il PTOF e il Piano scolastico per la Didattica Digitale Integrata.

PTOF DELL’ISTITUTO MADRE CABRINI

PIANO SCOLASTICO DDI DELL’ISTITUTO MADRE CABRINI